Timișoara e il Gulash con la scarpetta!

 

Conoscete la mia curiosità per i piatti tradizionali italiani e stranieri, la voglia di scoprire le origini della cucina locale di ogni luogo. Curiosità che nasce dal desiderio di contestualizzare l’identità di un Paese e capirne storia, origini, gusti, tendenze. Conoscevo il gulash dai viaggi in Austria, assaggiato in diverse città e varianti e ritrovato con sorpresa tra i piatti della cucina locale proposti nei ristoranti tipici di Timișoara dove Giulia studia e vive dallo scorso settembre.

Timișoara è un municipio della Romania che conta oggi circa 750,000 abitanti. Capoluogo del distretto di Timiș, nella regione storica del Banato, è uno dei centri urbani più belli del Paese. Circondata da un anello di graziosi parchi e costellata di piazze pittoresche viene spesso chiamata “la piccola Vienna” e “Città dei Parchi”. L’influenza austro-ungarica è infatti evidente nell’architettura, nel cibo e nella cultura. E’ una città da visitare rigorosamente a piedi, passando da una piazza all’altra, tutte incredibili perle di architettura. Il centro è riservato solamente ai pedoni e il momento migliore per visitare la città è al tramonto, quando si può sorseggiare un bicchiere di vino caldo passeggiando tra le luci scintillanti della sera. Situata nella zona occidentale della Romania vanta una diversità etnica che non ha riscontro in nessun’altra parte del Paese, derivante da legami geografici e culturali con la vicina Ungheria e con la Serbia e dalla tangibile influenza asburgica. Da secoli convivono in questa città oltre 30 culture diverse: romeni, tedeschi, ungheresi, serbi, croati, italiani, spagnoli e bulgari. Per questo Timișoara è una vivace città multiculturale famosa per una serie di primati. Nel 1884 fu la prima città europea ad introdurre l’illuminazione elettrica stradale, la prima a produrre birra in Romania ma soprattutto diede il via alla rivoluzione del 1989 contro il dittatore Ceaușescu. Di recente ha vinto il titolo di Capitale europea della Cultura per il 2021 per questo la città è un immenso cantiere animato da un gran fermento. Gli investimenti svilupperanno vari servizi, come alberghi, ristorazione, turismo, trasporti, locali.

La cucina tipica di  Timișoara vanta piatti semplicissimi e di tradizione prevalentemente contadina preparati con ingredienti freschi e genuini provenienti da coltivazioni e allevamenti locali.  I menù sono vari e spaziano tra minestre, piatti di carne e formaggi, verdure e polenta. Una nota di merito va appunto anche al Gulash, che pur non essendo tipico della Romania, data la vicinanza e le influenze ungheresi è veramente ottimo per questo ve lo propongo nella variante più semplice possibile e vicina ai nostri gusti.

22713533_10213207059223883_4348302291137241083_o

Ingredienti per 4 persone

800 g. di carne di manzo tagliata a piccoli cubetti

700 g. di cipolle dorate

1 cucchiaio di paprika dolce in polvere – 1 cucchiaio

1 cucchiaino di paprika forte in polvere – 1 cucchiaino

1 foglia di alloro secco

1 rametto di rosmarino

1 rametto di maggiorana

1 rametto di timo

3 cucchiai di concentrato di pomodoro

60 g. di grasso di prosciutto o strutto

200 ml. di acqua calda

1 mestolo di acqua calda

Sale q.b.

4 patate tagliate a tocchi grossi (facoltativo)

Preparazione

Versare l’olio in una casseruola dal fondo spesso, unire il grasso, farlo sciogliere e aggiungere le cipolle affettate molto sottili. Rosolarle a fuoco bassissimo. Quando stanno per disfarsi aggiungere la carne e farla insaporire sempre a fuoco molto basso, in maniera che rilasci i propri liquidi. A questo punto, preparare un mazzetto aromatico legando insieme con spago da cucina il rosmarino, la maggiorana, il timo e la foglia di alloro. In alternativa si può usare un cucchiaino delle stesse erbe secche e inserirle.  Nel frattempo, in un altro pentolino portare a bollore l’acqua e stemperarvi all’interno il concentrato di pomodoro.  Diluire la paprika dolce e piccante in un mestolo di acqua calda e aggiungere entrambi i liquidi alla carne. Regolare di sale e proseguire la cottura a fiamma bassissima e a pentola coperta per circa un’ora e mezza.
Aggiungere altra acqua calda solo se necessario. Far ritirare il liquido di cottura secondo il proprio gusto. Volendo, dopo circa un’ora dalla cottura, si possono aggiungere delle patate tagliate a tocchi grossi e si prosegue la cottura per il rimanente tempo.

Advertisements

Stinco di maiale al cioccolato fondente e Chianti Classico/Pork Knuckle with dark chocolate and Chianti Classico wine

scroll down for english version

And….the winner is ?! Me !! Non ci crederete, in realtà suona strano anche a me…ho vinto il mio primo Contest dal titolo “Il Piatto DiVino”, indetto da Luca e Bruno nel Blog http://perunpugnodicapperi.blogspot.it.  Il concorso prevedeva la realizzazione di piatti dolci e salati con il vino tra gli ingredienti. Mi sono ritrovata a gareggiare per gioco, poi, ho pensato -“Perché no?!”- ed ho cominciato a cercare, studiare, scegliere, sperimentare la ricetta adatta. Anni fa, un viaggio in Toscana, mi ha condotta nel Chianti, oasi di pace, colline e vigneti nel cuore della regione dell’omonimo vino “Chianti Classico”. Lì ho assaggiato questo piatto e sono rimasta colpita dalla sua originalità. E’ una pietanza alchemica, intrigante e particolare, dai forti contrasti, impreziosita dal cioccolato fondente. Dopo una lunga e paziente cottura, il risultato finale è eccellente, carne morbida avvolta da una sontuosa e densa salsa.

Stinco di maiale al cioccolato fondente e Chianti Classico

Ingredienti:

1 stinco di maiale tagliato in ossibuchi

2 grosse cipolle rosse tritate

1 costa di sedano tritata

1 ciuffo di prezzemolo

1 spicchio di aglio tritato

2 cucchiai di passato di pomodoro

100 gr. di cioccolato fondente tagliato a scaglie

30 gr. di uvetta sultanina ammorbidita

30 gr. di pinoli

Brodo di carne

2 bicchieri di Chianti Classico

1 cucchiaio di aceto di vino rosso

Olio evo

Sale e pepe

Preparazione:

In un tegame rosolare la carne nell’olio. Quando la carne è rosolata, aggiungere la cipolla, il sedano, l’aglio ed il prezzemolo e lasciare imbiondire. Versare il vino e quando è ridotto della metà, aggiungere il pomodoro. Aggiustare di sale e pepe, coprire e far cuocere 2 ore, girando la carne e aggiungendo il brodo se necessario. Al termine della cottura unire il cioccolato, i pinoli e l’uvetta. Aggiustare di sale, unire l’aceto, cuocere ancora qualche minuto. Servire la carne accompagnata dalla salsa ricca e gustosa.

Immagine

And the winner is ….! Me! You will not believe it, actually sounds strange to me too… I won my first contest called “Il Piatto DiVino”, organized by Luca and Bruno in their Blog http://perunpugnodicapperi.blogspot.it .  The competition involved the creation of sweet and savoury dishes with wine as ingredient. I thought -“Why not?”- so I raced for fun begin searching, studying, choosing, testing the right recipe. Years ago, a trip to Tuscany, led me in the heart of Chianti, oasis of peace, hills and vineyards in the heart of Chianti Classico wine region. There I tasted this dish and I was impressed by its originality. It’s an alchemical dish, made of intriguing and unique flavours, strong contrasts, enhanced by dark chocolate. After a long and patient cooking, the result is excellent, soft meat wrapped in a sumptuous, thick sauce.

Pork knuckle with dark chocolate and Chianti Classico wine

Ingredients:

1 Pork knuckle cut into marrowbones

2 chopped red onions

1 stalk of chopped celery

1 sprig of chopped parsley

1 clove of minced garlic

2 tbsp of tomato paste

½ cup dark chips chocolate

3 tbsp softened raisins

3 tbsp pine nuts

Beef broth

2 glasses of Chianti Classico wine

1 tbsp red wine vinegar

extra virgin olive oil

Salt and pepper

Preparation:

In a pan brown meat with oil. Then add onion, celery, garlic, parsley and cook until brown. Pour wine and when it is reduced by half, add tomato paste. Season with salt and pepper, cover and simmer 2 hours. Turn meat and add broth if necessary. After cooking, add chocolate pine nuts and raisins. Cook for a few minutes, season with salt then add vinegar. Serve meat accompanied by rich and tasty sauce.

Rotolini di carne con radicchio, pancetta e formaggio/Meat rolls with radicchio, bacon and cheese

                                                                scroll down for the english version

Da anni sono una fedelissima della rivista mensile Sale&Pepe, che, ovviamente, tratta di cucina ! Ogni mese, attendo impaziente l’uscita per cercare ricette che colpiscano la mia attenzione e che poi, ho subito voglia di preparare ed assaggiare. Questa viene proprio da una di quelle riviste! Sono degli involtini, semplicissimi da preparare, in cui il gusto amaro del radicchio si abbina a quello dolce della carne, della pancetta e del formaggio. E’ possibile scegliere entrambe le varietà di radicchio presenti sul mercato in questo periodo dell’anno, io ho scelto quella tonda, più comune, caratterizzata da un sapore più intenso..Potevo mai scegliere qualcosa di banale ?!

Immagine

Ingredienti per 4 persone:

4 fettine di lonza di maiale

3 cespi di radicchio rosso

100/150 gr. di pancetta affettata

Un ciuffo di prezzemolo

1 bicchiere di vino bianco

Bastoncini di formaggio Fontina

Olio evo, sale, pepe

2 cipolle

Preparazione:

In un tegame far appassire la cipolla tritata nell’olio, unire le foglie di radicchio e farle stufare. Battere le fettine di carne, salare l’interno. Adagiare su esso la pancetta, una forchettata di radicchio stufato, un bastoncino di formaggio e poco prezzemolo tritato. Arrotolare e chiudere bene con uno stuzzicadenti. Far dorare la cipolla tritata in un tegame con l’olio, aggiungere gli involtini e farli rosolare da tutti i lati. Bagnare con il vino bianco e far sfumare. Abbassare la fiamma, aggiungere il prezzemolo tritato e lasciar cuocere per circa 20’ . Al termine, tagliarli a rondelle e servire con il radicchio stufato accanto.

For many years I am a faithful of the monthly italian magazine Salt&Pepper, of course that deals with kitchen ! Each month I await impatient its issue to look for recipes which strike my attention and then I  wish to prepare and taste. This recipe just comes from one of those magazines! They are meat rolls, very simple to prepare, where the bitter taste of radicchio goes well with the sweetness of  bacon, meat and cheese. At this time of the year, you can choose both varieties of radicchio on the market, I have chosen the more common, the round one, characterized by a more intense flavour ..Could I ever choose something banal ?!

 Ingredients for 4 people:

4 slices of pork loin

4 big radicchio plants

¼  pounds of sliced bacon

A sprig of parsley

1 glass of dry white wine

Fontina cheese sticks

Extra virgin olive oil, salt, pepper

2 onions

Preparation:

In a saucepan cook the chopped onion with oil, add the radicchio leaves and let  them  simmer. Beat the slices of meat, salt the inside. Lay the bacon on it, a forkful of radicchio stew, a stick of cheese and some chopped parsley. Roll up and seal with a toothpick. In another pan brown the chopped onion with oil, add the rolls and brown them on all sides. Pour over the white wine and let it evaporate. Lower the heat, add the chopped parsley, cover and cook for about 20 minutes. At the end, cut rolls into slices and serve with radicchio stew.