Cioccocake glassato del Maestro Alessandro Servida

Strano ritrovarmi senza Giulia intorno, in queste ultime settimane. Abbiamo avuto condivisioni sempre più intime negli ultimi anni che ci hanno portate ad essere più vicine e complici. Discussioni e confronti su ogni tema generale e personale, punti di vista diversi dovuti alla differenza di età, alle esperienze, alla sua maturità di anni luce avanti alla mia, alla stessa età. E’ trascorso più di un mese, un nuovo e stimolante percorso è nato per lei e con esso amici, progetti e tanti pensieri positivi, nel mentre quell’immenso vuoto ha cominciato ad attenuarsi o meglio, a trovare la sua ragione d’essere accettato e affrontato con serenità. Serbo ancora forti dentro me tutte le emozioni e le immagini di quegli attimi prima della partenza, del decollo e del volo …

Per quanto fosse grande il desiderio di un percorso universitario all’estero, lasciarla in un Paese straniero non è stato semplice. Non è proprio dietro l’angolo, andare a trovarla significa pianificare ogni cosa ed essere vincolati ai voli che non sono giornalieri. Ho pianto tutto il tempo del volo di rientro. Di fianco a me una coppia che preoccupata per il mio stato mostrava la sua vicinanza senza capire cosa avessi. Ho continuato a piangere la mia disperazione entrando in casa, girovagando per le stanze – anzitutto la sua – senza pace mentre mi pareva di sentire la sua voce in ogni angolo della casa …

“Mamma sali/ Mamma vieni/Mamma guarda/Mamma andiamo/Mamma sai che? Mamma ti siedi vicino a me?/Mamma che dici se?/Mamma, mamma, mamma …”          Una parola che ha riempito ogni poro della mia pelle e scandito ogni attimo delle mie giornate dalla sua nascita.

Adesso son persino capace di sorriderci su!

Sono stata ferma i primi giorni, sì. Mi sono rannicchiata, avvolta delle mie stesse braccia per fare guscio intorno e sentirmi al sicuro, ero lacerata da questo strappo. Ho pensato a lungo al passato, al presente, al futuro. Ho rielaborato il dolore concentrandomi su questa scelta da me appoggiata e la nuova inevitabile condizione. Ho accettato di poterla riabbracciare dopo mesi, sentito la sua voce allegra, visto i suoi occhi felici e ritrovato piano piano la forza, senza mai allontanarmi dal mio centro. Ho perso energia, ne ho avuta a fasi alterne ma poi ripreso la mia strada e ricominciato. Quindi dopo il periodo di stasi in cucina, man mano che l’energia tornava, mi sono rimessa in moto alla ricerca di nuovi spunti che mi facessero sentir viva. Ho avuto bisogno di nuove idee e di immergermi nelle passioni. Sono sempre quelle ad aiutarmi nei momenti difficili. Così, curiosando nei gruppi di cucina che seguo, mi sono imbattuta in questo dolce. La ricetta è tratta dal programma “Pastry Garage” che il Maestro Alessandro Servida tiene sul canale La5  dal lunedì al venerdì alle 19,30. Goloso e seducente mi ha subito attratta. Umido, morbido e scioglievole all’interno, è ricoperto da questa glassa di cioccolato e granella di nocciole che potrei definire un mix tra il Bacio Perugina e il Ferrero Rocher. Ne sono andata matta da subito e ho pensato che nonostante a casa di Giulia a Timisoara ci sia solo il forno a gas non troppo adatto per alcuni dolci, con qualche attenzione in più sulla cottura e sul calore, potrei replicarlo per tutti i suoi amici e proporlo per una golosa colazione o merenda! Chissà i ragazzi cosa ne pensano …

 

 

cioccocake glassato

Ingredienti per il cake:

6 uova

100 g glucosio ( volendo si può sostituire con miele dal sapore neutro)

160 g zucchero

160 g panna fresca per dolci

100 g  di farina di mandorle

160 g farina

30 g cacao in polvere

10 g lievito per dolci

110 g burro

70 g cioccolato fondente

Ingredienti per lo sciroppo:

100 g acqua

100 g zucchero

scorza di un’arancia

Ingredienti per la glassa:

250 g cioccolato fondente

60 g olio di riso ( volendo si può usare anche un olio di semi)

160 g granella di mandorle tostate

Ingredienti per la decorazione:

fiori di zucchero o altro a piacere

Procedimento per il cake
In una ciotola mettere le uova con lo zucchero e la panna e mescolare con una frusta a mano. Aggiungere il glucosio, la farina di mandorle e il cacao, rimescolare e inserire la farina e il lievito precedentemente setacciati. Infine incorporare il burro e il cioccolato fusi nel microonde e amalgamare bene. Imburrare e infarinare lo stampo e versare l’impasto. Cuocere a forno statico a 170°C per circa 45 minuti.

Procedimento per lo sciroppo

In un pentolino porre l’acqua, lo zucchero e la scorza di arancia. Far bollire circa cinque minuti e spegnere.

Procedimento per la glassa

In una ciotola di vetro far sciogliere il cioccolato al microonde oppure in un pentolino posto su bagnomaria, aggiungere l’olio, miscelare bene e inserire la granella di nocciole.

Decorazione

Una volta terminata la cottura, sfornare e far raffreddare bene il cake. Successivamente porlo su una gratella appoggiata su un’altra teglia bassa e bagnarlo con lo sciroppo raffreddato. Attendere che lo sciroppo venga ben assorbito e ripetere l’operazione fino ad esaurimento della bagna.
Lasciando il cake sulla gratella, dopo un di tempo versare su di esso la glassa in più riprese in modo che aderisca bene, trasferirlo su un piatto da portata e decorare a piacere con fiori di zucchero.

Advertisements

Stinco di maiale al cioccolato fondente e Chianti Classico/Pork Knuckle with dark chocolate and Chianti Classico wine

scroll down for english version

And….the winner is ?! Me !! Non ci crederete, in realtà suona strano anche a me…ho vinto il mio primo Contest dal titolo “Il Piatto DiVino”, indetto da Luca e Bruno nel Blog http://perunpugnodicapperi.blogspot.it.  Il concorso prevedeva la realizzazione di piatti dolci e salati con il vino tra gli ingredienti. Mi sono ritrovata a gareggiare per gioco, poi, ho pensato -“Perché no?!”- ed ho cominciato a cercare, studiare, scegliere, sperimentare la ricetta adatta. Anni fa, un viaggio in Toscana, mi ha condotta nel Chianti, oasi di pace, colline e vigneti nel cuore della regione dell’omonimo vino “Chianti Classico”. Lì ho assaggiato questo piatto e sono rimasta colpita dalla sua originalità. E’ una pietanza alchemica, intrigante e particolare, dai forti contrasti, impreziosita dal cioccolato fondente. Dopo una lunga e paziente cottura, il risultato finale è eccellente, carne morbida avvolta da una sontuosa e densa salsa.

Stinco di maiale al cioccolato fondente e Chianti Classico

Ingredienti:

1 stinco di maiale tagliato in ossibuchi

2 grosse cipolle rosse tritate

1 costa di sedano tritata

1 ciuffo di prezzemolo

1 spicchio di aglio tritato

2 cucchiai di passato di pomodoro

100 gr. di cioccolato fondente tagliato a scaglie

30 gr. di uvetta sultanina ammorbidita

30 gr. di pinoli

Brodo di carne

2 bicchieri di Chianti Classico

1 cucchiaio di aceto di vino rosso

Olio evo

Sale e pepe

Preparazione:

In un tegame rosolare la carne nell’olio. Quando la carne è rosolata, aggiungere la cipolla, il sedano, l’aglio ed il prezzemolo e lasciare imbiondire. Versare il vino e quando è ridotto della metà, aggiungere il pomodoro. Aggiustare di sale e pepe, coprire e far cuocere 2 ore, girando la carne e aggiungendo il brodo se necessario. Al termine della cottura unire il cioccolato, i pinoli e l’uvetta. Aggiustare di sale, unire l’aceto, cuocere ancora qualche minuto. Servire la carne accompagnata dalla salsa ricca e gustosa.

Immagine

And the winner is ….! Me! You will not believe it, actually sounds strange to me too… I won my first contest called “Il Piatto DiVino”, organized by Luca and Bruno in their Blog http://perunpugnodicapperi.blogspot.it .  The competition involved the creation of sweet and savoury dishes with wine as ingredient. I thought -“Why not?”- so I raced for fun begin searching, studying, choosing, testing the right recipe. Years ago, a trip to Tuscany, led me in the heart of Chianti, oasis of peace, hills and vineyards in the heart of Chianti Classico wine region. There I tasted this dish and I was impressed by its originality. It’s an alchemical dish, made of intriguing and unique flavours, strong contrasts, enhanced by dark chocolate. After a long and patient cooking, the result is excellent, soft meat wrapped in a sumptuous, thick sauce.

Pork knuckle with dark chocolate and Chianti Classico wine

Ingredients:

1 Pork knuckle cut into marrowbones

2 chopped red onions

1 stalk of chopped celery

1 sprig of chopped parsley

1 clove of minced garlic

2 tbsp of tomato paste

½ cup dark chips chocolate

3 tbsp softened raisins

3 tbsp pine nuts

Beef broth

2 glasses of Chianti Classico wine

1 tbsp red wine vinegar

extra virgin olive oil

Salt and pepper

Preparation:

In a pan brown meat with oil. Then add onion, celery, garlic, parsley and cook until brown. Pour wine and when it is reduced by half, add tomato paste. Season with salt and pepper, cover and simmer 2 hours. Turn meat and add broth if necessary. After cooking, add chocolate pine nuts and raisins. Cook for a few minutes, season with salt then add vinegar. Serve meat accompanied by rich and tasty sauce.