Torta di mele affondate di Paoletta

Vi racconto di noi …

Dal settembre 2017 mia figlia Giulia vive in Romania dove studia presso la “Victor Babeș” State University of Medicine and Pharmacy in Timișoara. E’ stato un anno di grandi cambiamenti e adattamenti per entrambe, ricco di soddisfazioni, successi, forza, equilibrio e serenità. Una bella prova di vita. Abbiamo entrambe imparato a star bene da sole, condizione mai così scontata. Personalmente ritengo che la più grande conquista per una persona sia trovare buona compagnia anzitutto nella ricchezza della propria interiorità e solitudine, senza doversi necessariamente aggrappare ad alcuno, cercare rifugi consolatori in cui narcotizzarsi o vivere di trasgressioni scappando da sè … Solo da quella sana ed equilibrata solitudine può nascere il nostro mondo di relazioni serene. Ci siamo reinventate entrambe e di questo sono felice e fiera.

Negli aggiustamenti di questa nuova condizione abbiamo spesso trovato modi originali per sentirci vicine, tra i quali persino fare un dolce insieme in videochiamata! E’ stato molto divertente comunicare anche a sguardi e gesti mentre i nostri apparecchi in funzione montavano composti e impasti ed è stato altrettanto emozionante attenderne il risultato per capire quale dei due fosse venuto meglio! Abbiamo provato diverse ricette, per lo più torte da forno con cui far colazione. Abbiamo condiviso levatacce del mattino al freddo e al gelo, coccolate da quei dolci. Sono stati momenti meravigliosi anche quelli in cui stare in silenzio a sorseggiare una tisana, scambiare pareri ed emozioni sul dolce, sulla vita, sugli studi e sulle scoperte negli studi, sul futuro, sulla giornata a venire, per poi salutarsi con l’amore negli occhi diretti verso mete diverse. E’ già trascorso un anno e più da tutto questo e stamattina mentre realizzavo questo dolce, uno dei nostri cavalli di battaglia “la torta di mele affondate” di Paoletta Sersante, mi è tornato tutto in mente. Delicata, morbida, dolce e umida questa torta è stato il dolce preferito e più ripetuto, quello che ci ha tenute più vicine in quel lungo primo inverno lontane …

Grazie Paoletta!
https://aniceecannella.blog
spot.it/…/meme-della-consolazion…

27625408_10214045130735147_8985369802133265273_o

27624564_10214045134775248_5162259215415468369_o
TORTA DI MELE AFFONDATE (la mia versione con qualche piccola variante)
 
Ingredienti:
200 g. di farina
150 g. di zucchero
2 uova
1 confezione di panna fresca da 250 ml
1 bustina di lievito
4 cucchiai di olio di semi
1 pizzico di sale
3 mele golden con la buccia (volendo si possono sbucciare)
5 cucchiai di zucchero di canna
il succo di un limone
la buccia grattugiata di un limone
un cucchiaino di estratto di vaniglia oppure i semi di una bacca di vaniglia
due cucchiaini di cannella
7/8 fiocchetti di burro
Procedimento:
Sciacquare le mele, affettarle, irrorarle con il succo di un limone, cospargerle con due cucchiai di zucchero di canna, un cucchiaino di cannella e tenerle da parte. In una ciotola montare bene le uova con lo zucchero, aggiungere l’olio a filo, la buccia di limone, la vaniglia e lavorare con una frusta a mano. Quando ben amalgamato versare nel composto mezza confezione di panna e mescolare, sempre a mano. Setacciare nel composto farina, lievito e sale, infine l’altra metà della panna ed amalgamare.
Rivestire uno stampo a cerniera da 22/24 cm. con carta forno, versare il composto e livellarlo. Affondare le fettine di mela in verticale, a raggiera.
Spolverare il composto di zucchero di canna, cannella e qualche fiocchetto di burro.
Infornare a 180° modalità statico per 45/50 minuti circa.
Durante la cottura le mele affonderanno un po’ e l’impasto si gonfierà tutt’intorno creando un bellissimo disegno.
 

Torta glassata di mele e amaretti

Il tempo delle mele.

Primo anticipo d’autunno ieri. Mi sono alzata e ho guardato fuori come sempre. Il cielo grigio, la prima pioggerellina, l’aria più fresca sulla pelle e immediata la voglia di riscaldare e profumare il mio Nido con una torta di mele.

Non sono giorni leggeri questi. Nonostante i miei diciotto anni di servizio di ruolo da docente, da più di un mese attendo la sede lavorativa per quest’anno scolastico appena cominciato. Faccio parte anch’io delle docenti ‘smarrite’ dalla ‘Buona Scuola’! Nel frattempo torno a S. Felice Circeo, mio primo amore e sede di titolarità. Bambini a Scauri mi aspettano, altri appena conosciuti a S.Felice vorrebbero rimanessi là con loro. Non posso promettere nulla, ma deluderli è dilaniante per me ed inevitabilmente accadrà per alcuni di loro.

Ci sarà una ragione cosmica anche in questa attesa straziante e nell’epilogo. Sono fatalista, non dipende da me, non posso avere il controllo di tutto quindi non mi resta che accogliere serenamente ciò che vivo e che verrà, donando il mio sorriso più luminoso. Amo i bambini, tutti, e voglio che a loro arrivi la mia gioia. In nome di queste riflessioni, ho arginato l’ansia, stemperato il nervosismo e deciso di guardare al bello attivandomi per crearlo. Conoscete una cura più efficace per l’anima oltre quella di fare un dolce?

Conosco la vostra risposta! Coccole a parte, dai …

Bene, tra una pagina e l’altra della mia agenda dei dolci, è spuntata questa ricetta. Assaggiata dalla mia amica Tiziana ma mai rifatta. Ho colto l’occasione. E’ una ricetta tedesca ed io amo la pasticceria d’Oltralpe, in modo particolare quella asburgica che mi riporta nei salotti di Vienna. E’ una torta morbida e deliziosa che profuma di burro e zucchero, di cannella e vaniglia, di limone, mele e mandorle. Di facile esecuzione si abbina perfettamente a un tè o un caffè. Lista della spesa e via, provateci anche voi!

14324627_10209566825900325_4542957699515265410_o

Ingredienti per l’impasto

250 gr. di farina debole

250 gr. di fecola di patate

250 gr. di burro morbido

250 gr. di zucchero semolato

300 gr. di uova intere e sgusciate

un pizzico di sale

1 bustina di lievito

la buccia di un limone grattugiato

il succo di un limone

50 ml. di latte

2 mele golden

100 gr. di biscotti amaretti sbriciolati grossolanamente con un matterello

1 cucchiaino di cannella

i semi di una bacca di vaniglia

stampo classico da ciambella di 25 cm.

Glassa

200 gr.di zucchero semolato

30 gr. di burro

1 mela golden

il succo di un limone

Tempo di preparazione

1 ora circa

Tempo di cottura

50/55 minuti circa

Preparazione dell’impasto

Sbucciare le mele, tagliarle a fette sottili e metterle a macerare in una zuppiera con il succo di limone e la cannella.

Nella ciotola di una planetaria lavorare con la frusta il burro a crema fino a schiarirlo. Aggiungere lo zucchero, i semi di vaniglia, il pizzico di sale e continuare a montare.

Appena il composto risulterà amalgamato, unire all’impasto un uovo alla volta avendo cura di inserire il successivo solo quando il precedente sarà ben incorporato. Continuare fino ad esaurimento. Nel frattempo, in una zuppiera setacciare le polveri tutte insieme ed inserirle nell’impasto poco per volta, azionando il motore a bassa velocità. Man mano che si lavora, versare a filo un cucchiaio di latte alla volta.  Per ultimo, unire al composto la buccia grattugiata di un limone.

Imburrare e infarinare uno stampo da ciambella del diametro di 25 cm. Versare sul fondo dello stampo metà impasto. Inserire le fettine di mele a raggiera e cospargerle di amaretti sbriciolati. Sovrapporre con il rimanente impasto senza spostare i biscotti e le mele.

Infornare a 180° per circa 50/55 minuti in base al vostro forno.

Preparazione della glassa

Tagliare le mele a fette senza rimuovere la buccia. In un pentolino antiaderente far sciogliere lo zucchero, il burro e il succo di limone. Una volta sciolto, inserire all’interno le fettine di mele e rigirarle affinché siano tutte ben immerse. Farle cuocere circa 10 minuti se si desidera lasciarle un pò croccanti. Spegnere e far raffreddare.

Decorazione e glassatura

Sfornare il dolce, trasferirlo su un piatto da portata e attendere che si intiepidisca. Disporre le mele a raggiera sulla sommità facendole ben aderire alla curvatura della superficie. Irrorare di glassa e lasciarla cadere ai lati del dolce.

Servire tiepido o a temperatura ambiente.