Vellutata di zucca con semi misti e gamberoni

I colori dell’autunno.

Da ragazza non avevo particolare simpatia per questa stagione, quando arrivava settembre ero pervasa da una strana malinconia. Non volevo che l’estate terminasse e con essa la libertà, le ore di luce, l’aria mite, la vita all’aperto.

Poi un giorno è arrivata l’America e la mia amata Bethesda … Ricordo che ci trasferimmo ad agosto e a fine settembre il mio sguardo cominciò a perdersi nei colori …

Non appena l’aria comincia a rinfrescare, fuori dell’area urbana di Washington Dc, il territorio tra Maryland e Virginia offre tramonti e paesaggi meravigliosi e l’autunno esplode ed avvolge con tutto il suo calore. I boschi e i parchi naturali danno vita ad una ricca tavolozza di colori che comprende tutte le sfumature dell’arancio, del blu, del rosso del giallo, del verde. L’effetto è carico di contrasti ed è talmente straordinario che non restarne è colpiti è impossibile!  Da lì ho cominciato ad amarlo e a viverlo con un altro spirito.

L’autunno è ricco e dorato, ha un passo lento e un respiro intenso e profondo, si immerge nel cuore e nell’anima. Profuma di buono e sa di casa. L’autunno riunisce, incanta, riscalda ed io ho voluto dargli il benvenuto così …

In questo periodo lì a Bethesda ogni casa ha almeno una zucca davanti al portone. Io ne ho avute due in dono da zio Umberto e anzichè lasciarle fuori ho voluto portarle in tavola e profumarle del mare della mia Terra …

43191772_10215804576880201_8950714907175682048_o

Vellutata di zucca con semi misti e gamberoni

Grado di difficoltà da (1 a 5): 2

Ingredienti per 4 persone

1 kg di zucca
mezza cipolla rossa
un ramo di rosmarino
un bicchiere di acqua
Olio evo (un cucchiaio a persona)
Sale
4 cucchiai di semi misti (zucca, girasole, lino)
16 gamberoni freschi o decongelati
due foglie di alloro

Procedimento per la vellutata

Privare la zucca della buccia e dei semi, tagliarla a fette e ricavare grossolani cubetti. Versare l’olio in una pentola capiente, aggiungere l’olio, la cipolla tritata e alcuni aghi di rosmarino. Far stufare a fiamma bassa per qualche minuto. Non appena la cipolla sarà trasparente e ammorbidita, aggiungere la zucca, aumentare la fiamma e far rosolare leggermente per qualche secondo. A questo punto aggiungere l’acqua, salare e coprire lasciando cuocere fino a quando la zucca si disfa. Saranno necessari circa 20-30 minuti. Spegnere e lasciare da parte.

Procedimento per i gamberoni

Pulire i gamberoni privandoli del budello e delle zampette. Riempire una pentola di acqua in cui saranno state messe due foglie di alloro e porla sul fuoco attendendendo il bollore. Non appena esso sopraggiunge, immergere i gamberoni e farli cuocere soltanto pochissimi minuti (circa un paio). Scolarli, lasciarli raffreddare e privarli della testa e del carapace lasciando la coda. Mettere da parte.

Montaggio del piatto

Con l’aiuto di un minipimer frullare la zucca emulsionandola bene fino a renderla cremosa e liscia, poi versarla nella pentola di cottura e riscaldarla su fiamma bassa. Prendere un piatto fondo, versare circa 4 mestoli di vellutata e battere leggermente sul tavolo in modo da livellare bene. Versare sulla crema un cucchiaio di semi in modo sparso, adagiare al centro 4 gamberoni, decorare con un ciuffetto di rosmarino. Finire il piatto con un filo d’olio.
Per chi ama il pesce crudo, omettere la cottura dei gamberi e procedere come indicato.

Pane integrale ai semi e fiocchi d’avena con lievito madre

My girl and I, un nuovo inizio: la nostra storia su Instagram comincia qui, da questo pane.

La scuola è quasi terminata per entrambe e l’estate è la stagione più bella per dedicarsi alle passioni. Oggi, prese dall’entusiasmo per i tanti e diversi progetti futuri suoi e miei, io e la mia ragazza ci siamo dedicate al pane. Superfluo descrivervi la mia gioia nel leggere le sue espressioni di alto gradimento dopo il taglio del filone e l’assaggio della fetta. Deve essere così tanto rimasta colpita dalla bontà che, da sola, ha pensato di creare un profilo Instagram con l’identità del Blog e riferimenti a noi due insieme. Poi mi ha incitata a scriverne immediatamente la ricetta per dare a voi la possibilità di provarla.

Premetto che amiamo i pani scuri, quelli nordici di farine integrali, di segale, di semi, con erbe, spezie e lievito madre. Il nostro lievito madre “Blobby” vive, respira, cresce di noi e con noi in casa da quattro anni.

Blobby, nato da una semplice miscela di acqua e farina, ha il potere di compiere magie facendo lievitare di tutto.

FB_IMG_1498657017920_wmFB_IMG_1498657009728_wm

 

Ingredienti

1,200 kg. di farina Petra 1, macinata a pietra (oppure farina 0)

500 g. di farina Petra 9 ( oppure farina integrale)

1 lt. di acqua a temperatura ambiente circa  (la quantità di acqua potrebbe variare a seconda del tipo di farina usata)

200 g. di lievito madre maturo

20 g. di miele di castagno (o altro a piacere)

100 g. di semi misti  (zucca, girasole, lino, sesamo)

20 g.  di sale fino

20 g. di olio extravergine di oliva

50 g. di fiocchi d’avena

Preparazione

Miscelare i due tipi di farina. Nella ciotola capiente di una planetaria o qualsiasi altra ciotola, far sciogliere bene il lievito madre con 200 g. di acqua. Attendere venti minuti, fino a quando in superficie comparirà una schiumetta. A questo punto aggiungere il miele, mescolare e cominciare a inserire gradualmente la farina. Versare altra acqua man mano che l’impasto diventa più compatto e continuare a lavorare dando il tempo alla farina di idratarsi. L’impasto dovrà risultare morbido. Inserire poco per volta i semi continuando ad impastare, successivamente inserire il sale e lavorare ancora fino a terminare tutta la farina e l’acqua. Per ultimo unire l’olio. Lavorare bene l’impasto fino a quando apparirà ben omogeneo, liscio e compatto. Rovesciarlo sulla spianatoia, coprirlo con la ciotola capovolta e attendere 30 minuti. Trascorso il tempo, stenderlo con i polpastrelli, dando forma di rettangolo verticale rispetto a voi, premendo in modo leggero. Procedere con le pieghe a tre, ovvero prendere il lembo superiore e ripiegarlo verso il centro, fino alla metà interna del rettangolo, sollevare l’altro lembo esterno inferiore e appoggiarlo al lembo superiore piegato. Avrà forma di un rotolo. Fatto questo, lasciarlo sul piano di lavoro coperto dalla ciotola capovolta e attendere altri 30 minuti. Ripetere l’operazione Riposizionare l’impasto in posizione verticale rispetto a voi, dando forma di rettangolo e ripetere l’operazione delle pieghe. Attendere ancora 30 minuti dopodiche’ trasferire l’impasto nella ciotola, coprire bene e porre in frigo per una notte.

Il mattino successivo, tirare fuori la ciotola dal frigo e lasciar acclimatare circa 1 ora (d’estate con le temperature molto alte anche 30 minuti), trasferire sul piano da lavoro, dividere l’impasto in due e dare forma di filoni. Ungersi le mani di olio e tamponare delicatamente i filoni, spargendo su essi i fiocchi di avena in modo uniforme. Attendere 1 ora circa circa affinche’ ricominci la lievitazione (d’estate anche mezz’ora). Praticare tagli a piacere con una lametta da barba e infornare sul ripiano centrale a 250 gradi per circa 15 minuti inserendo sul ripiano basso del forno una ciotola con dell’acqua per creare vapore. Successivamente abbassare la temperatura a 150 gradi e proseguire la cottura per 50 minuti. Sfornare e lasciar raffreddare su una gratella.